Disillucio Battisti

Il mio amico Lucio diceva di volere dieci ragazze. Gli rispondevo sempre: ok, ma hai presente cosa significhino 10 compleanni, 10 onomastici, 10 anniversari e magari (se ti capitano particolarmente psicotiche) pure 120 mesiversari? E alla festa della donna che fai? Ti tocca disboscare una piantagione di mimose. No, lascia stare.

Ma Lucio non mi ha mai dato ascolto.

ImageDella prima fu entusiasta: mi disse che da quando c’era lei tutto questo non c’era più… Non so a cosa si riferisse, ma aggiungeva “posso finalmente bere”… Poi iniziò a farlo per sopportare lei e i suoi occhi non troppo innocenti, tornò in qualche bar e io e gli altri tre amici lo recuperammo ad un ricciolo dalla cirrosi.

Poi venne Linda, andavano sempre a ballare. Una sera però lei iniziò a ballare con un altro. Il gioco di bacino fece il resto. Non è vero che non sapeva mentire mai.

Arrivò la terza, una donna che sembrava non essere solo un’avventura. Lucio diceva “sei mia, fino a quando gli occhi miei avran luce per guardare gli occhi tuoi”. Ci dev’essere stato un blackout, evidentemente.

Per non parlare di Francesca, che ebbe la grande idea di flirtare con un altro sotto casa mia. Andai subito a dirlo a Lucio ma lui dubitava della mia parola… Si scoprì che avevo ragione e che il vestito rosso (che si tolse di lì a poco) era proprio il suo.

Fu un duro colpo, ma mai quanto Anna, la quinta: fu un rapporto fugace, diceva di amarla perché “quanti e quanti sì ha gridato lei”! Una sera Lucio è tornato prima dal lavoro e ha sentito quegli stessi appassionati “sì” provenire dalla camera da letto. E non gli ha neanche mai preparato il caffè…

Quella successiva fu un altro disastro: aveva “i problemi di donna”, diceva lei. Seghe mentali, dicevo io. Fece a Lucio il classico discorso del “il problema non sei tu, sono io”. Lui la prese così, non ne fece un dramma. Uscì di casa, di notte, viaggiando a fari spenti. Mi disse: “vediamo se poi è tanto difficile morire”. “Ok Lu, però fammi scendere prima” risposi.

Si riprese a marzo, quando conobbe una bella ragazza. Sembrava una tipa a posto, invece era una sanguisuga che sperperò tutti i soldi di Lucio in gelati. Al 21 del mese i soldi erano già finiti e lei lo lasciò per un imprenditore che non aveva problemi a tirare fine mese e non chiedeva mai “che giorno è?”.

L’estate gli portò l’ottava delusione, una giovane dalle bionde trecce e gli occhi azzurri. “Quante braccia ti hanno stretta?” le chiese. “112” rispose “ma di che t’impicci? Sono una donna ormai.” Una bagascia, piuttosto. La fiamma si spense rapidamente.

Si rivolse allora a uno di quei siti per incontri… Conobbe una filippina che giunse in Italia e si insediò a casa sua. Non funzionò e lei si dimostrò anche una pessima colf. Non potò il melo, lasciò polvere dappertutto e i piatti sporchi da lavare. Però come stirava le camicie lei… Se ne tornò nel suo paese e Lucio vendette casa. Forse perché quella casa aveva visto amore. O forse per tornare da mammà.

L’ultima, la decima, fu fortunatamente il momento di lucidità.
Al posto di scegliere una donna per amico ha scelto un amico per donna. Lui si chiama Giulio ma tutti lo chiamano con uno strano nomignolo che mi ricorda le Giovani Marmotte. Sembrano fatti l’uno per l’altro.

Sento che faranno grandi cose insieme.

Dedicato a Lucio & Mogol e ispirato dalle seguenti poesie:

–       Dieci Ragazze

–       Acqua Azzurra, Acqua Chiara

–       Balla Linda

–       Un’Avventura

–       Non E’ Francesca

–       Anna

–       Prendila Così

–       Emozioni

–       I Giardini Di Marzo

–       La Canzone Del Sole

–       Vendo Casa

–       Una Donna Per Amico

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...